I TESSUTI INTELLIGENTI DELLA MODA

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

La moda è sempre stato un ambito ricco d’innovazione e creatività, soprattutto nell’utilizzo di tessuti e materiali all’avanguardia.

Già nel 1968, al Museum of Contemporary Craft di New York ci fu una mostra innovativa chiamata Body Covering sulla tecnologia nell’abbigliamento. Era esposta anche una linea di abiti da sera elettroluminescenti e cinture che suonavano ideata dalla stilista Diana Dew.

In questi ultimi anni, stiamo assistendo a dei veri e propri cambiamenti innovativi riguardo l’utilizzo dei tessuti, tanto che si sta pensando di iniziare a creare abiti, non solo per vestire le persone, ma anche per uso intelligente, a scopo scientifico, come ad esempio la prevenzione di tumori o malattie come il morbo di Parkinson.

I “Tessuti intelligenti” (smart) hanno all’interno dei dispositivi elettronici che riescono a rilevare la temperatura corporea, il battito cardiaco, l’umidità ecc.
Questo per cercare di dare un miglioramento alla qualità di vita dell’uomo. Questi tessuti si potranno utilizzare per i capi sportivi, divise militari o quelle dei vigili del fuoco.

L’E-textile sarà l’abbigliamento del futuro: modificherà le sue caratteristiche, dilatandosi o contraendosi o anche reagendo alle circostanze corporee o ambientali.

L’intelligenza artificiale si applicherà anche sugli accessori come ad esempio: bracciali, cappelli o anche tappezzeria dell’auto o coperte.

 

COME SONO FATTI I TESSUTI INTELLIGENTI?

Questi tessuti vengono realizzati con vari tipi di fibre, metalli, polimeri conduttivi ed altri materiali.
Esistono due tipi di tessuti elettronici:
1) Tessuti contenenti apparecchiature elettroniche: tessuti normali all’interno dei quali sono stati inseriti contenuti elettronici
2) Tessuti costituiti da materiali elettronici: tessuti che sono costituiti da fibre che contengono conduttori, transitor.
Esistono poi i tessuti antibatterici che hanno la capacità di combattere lo sporco che porta numerosi batteri.

COS’È’ L’ABSOLUTE FRONTIERS II?

L’Absolute Frontiers II è una giacca intelligente prodotta con il materiale Aerogel, sviluppato dalla NASA composto quasi completamente d’aria. Si tratta di un materiale solido, leggerissimo ed isolante.
L’azienda ha progettato questa particolare giacca per resistere a condizioni climatiche estreme, come ad esempio al freddo.

COS’È’ L’ECOTECH SOLAR JACKET?

si tratta di una giacca di Zegna Sport. E’ composta da un tessuto traspirante; le imbottiture sono realizzate in plastica riciclata, ma la caratteristica di questo indumento è che assorbe energia solare; sulle maniche ha un sistema di celle solari rimovibili. E’ alimentata da cavi interni lavabili che sono collegati a una batteria ricaricabile. Grazie a questo sistema si possono ricaricare vari dispositivi (smartphone, MP3 ecc.).

LA COLLEZIONE CREATA CON L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE:

8 by Yook è la collezione creata con l’intelligenza artificiale. Yook è un brand menswear e womenswear del retailer italiano che usa la creatività tecnologica per fornire ai propri clienti abbigliamento unico. Sono capi essenziali, che si adattano a diverse fisicità e che garantiscono confort e funzionalità.

Articolo di Iole Trombetta

Intervista ad Andrea Maria Cosentino: Entrepreneurial Fintechologist

L’intervista della rubrica “VGen Interview” di oggi è con lo special guest Andrea Maria Cosentino, Sales & Business Development in Bloomberg LP, ma è anche docente e mentore in General Assembly e opera in altre tre imprese specializzate in fintech e startup.

Guida al trading online | Part 5: opzioni e certificates

Con questa rubrica di più articoli, a cura di Davide Serafini — studente di Economia e Finanza all’Università di Modena e Reggio Emilia e trader part time in opzioni con interesse per il trading quantitativo e sistematico —  affronteremo passo per passo il mondo del trading online, sfatandone alcuni miti ma allo stesso tempo dando una panoramica interessante da un punto di vista generale.

Intervista a Nicola lotti, Co-founder e CTO di Caligoo

Qualche giorno fa abbiamo avuto l’occasione di intervistare Nicola Lotti, Co-founder e CTO di Caligoo.
Il progetto che illustreremo ha le radici in Italia, più precisamente in provincia di Reggio Emilia, ma nasce, cresce e si sviluppa a Bend nello Stato dell’Oregon (USA).