Open Innovation: cosa c’è da sapere su CODE4FUTURE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Code4Future è il primo evento organizzato a Roma per contribuire alla diffusione della cultura Open Innovation, quindi all’analisi di tecnologie emergenti come AI, blockchain, VR e AR e 5G. 

Fintech, blockchain, IoT, non sono il futuro delle aziende ma il loro presente: nel 2018 la percentuale di Italiani che hanno utilizzato un servizio Fintech/Insurtech è stata dal 25% contro il 16% dell’anno precedente[1], e anche il giro  d’affari generato dagli oggetti IoT – dalla smart home alle automobili connesse – ha superato nel 2018 i 5 miliardi di euro[2].

La globalizzazione ha infatti profondamente mutato il concetto di innovazione. Per la prima volta nella storia dell’Umanità, oggi è possibile – attraverso network aperti e decentralizzati – creare Istituzioni nuove e collaborative, permettendo alle nuove invenzioni di integrarsi in uno scenario economico del tutto nuovo. Tale panorama è sempre più basato sulle filiere e relazioni orizzontali tra imprese e tecnologie che scelgono un’apertura, una “open innovation”.

L’evento Code4Future, che si svolgerà a Roma l’8 e il 9 novembre presso gli spazi del Talent Garden Ostiense, sarà focalizzato su una nuova scrittura dell’innovazione per analizzare l’evoluzione di piattaforme digitali e tecnologie emergenti (AI, blockchain, VR e AR, 5G) e formare i professionisti che guidano le imprese di oggi e di domani nell’implementazione dei processi di Digital Transformation.  

 

IL PROGRAMMA:

Due giorni di workshop e training session che saranno animati da numerosi speaker, guidati da Luca La Mesa, giovane e accreditato imprenditore romano, Presidente Procter&Gamble Alumni Italia, specializzato in strategie avanzate di social media.

“Ogni anno cerco di approfondire le tematiche legate all’innovazione attraverso sessioni di formazione alla Singularity University presso il NASA Ames Research Center, al CES di LasVegas o grazie al tour in Cina che partirà a Novembre e credo che Code4Future sia un’occasione unica per approfondire queste tematiche in Italia senza doverle andare a studiare all’estero”, sottolinea Luca La Mesa.

Quando: 8-9 Novembre

Dove: Roma, al Talent Garden Ostiense (via Ostiense 92)

Programma e biglietti: https://www.code4future.it

NB tramite VGen sarà possibile ottenere un codice sconto (la disponibilità è limitata) per l’acquisto dei biglietti.

Code4Future è promosso da HTML.it, storico portale dedicato alle tematiche del coding e dello sviluppo editato dal Gruppo Triboo Media, in collaborazione con il business accelerator Seedble.
Repubblica e Mashable Italia sono Main Media Partner, CoinTelegraph è media partner.

Per info, interviste e accrediti:
Ufficio Stampa Code4Future

Matteo Nardi | +39 333 5687925 | matteo@agenziapressplay.it

Alessandro Tibaldeschi | +39 333 669 2430 | ale@agenziapressplay.it

[1] Dati Nielsen e Osservatorio Fintech & Insurtech, Politecnico di Milano School Management nel 2018

[2] Dati Osservatorio Internet of Things della School of Management del Politecnico di Milano

#RestartLombardia: i vincitori della call di innovazione

#RestartLombardia, la call d’innovazione per la ripartenza dopo l’emergenza COVID-19, giunge al termine con oltre 150 partecipanti da tutta Italia. 22 progetti, divisi per categorie, sono stati premiati e accederanno a percorsi di Open Innovation con le aziende dei cluster tecnologici della Lombardia.

Guida al trading online | Part 3: azioni e obbligazioni

Con questa rubrica di più articoli, a cura di Davide Serafini — studente di Economia e Finanza all’Università di Modena e Reggio Emilia e trader part time in opzioni con interesse per il trading quantitativo e sistematico —  affronteremo passo per passo il mondo del trading online, sfatandone alcuni miti ma allo stesso tempo dando una panoramica interessante da un punto di vista generale.

ITER, al via l’assemblaggio per il futuro dell’energia

“Ciò che realizziamo oggi, come gruppo, è qualcosa che non è mai stato fatto prima nella storia”. Con queste parole Bernard Bigot, direttore generale di ITER (International Thermonuclear Experimental Reactor), ha inaugurato il 26 maggio scorso l’inizio delle operazioni di posizionamento del primo componente del più grande reattore a fusione nucleare sperimentale al mondo.