SMAF: Funnel per la crescita delle performance di content marketing su social media

social media analytics funnel
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

social media analytics funnel

L’Era della condivisione

Viviamo o no nell’era della diffusione di contenuti in internet?
Ogni giorno ci ritroviamo di fronte a centinaia di foto, video, articoli e quant’altro, senza neanche accorgerci della vastità di questi, inoltre, vengono veicolati da svariati canali tutti diversi tra loro.

I social media

In questo contesto, i social media ricoprono un ruolo da protagonista.
Basti pensare che al giorno si caricano in media più di 95 millioni di foto e video su Instagram e 350 milioni di foto al giorno su Facebook.
Tutti questi contenuti connettono un numero ancor maggiore di persone (stiamo su circa 3,5 miliardi di utenti su social media).
I social ad oggi vengono quindi considerati come un grande mezzo per raggiungere milioni di persone tramite la pubblicazione di contenuti interessanti per quest’ultime.

Il Content marketing che attrae

Anche il mondo del marketing segue questo trend ed è per questo che oggi si parla di content marketing (creazione e condivisione di contenuti pertinenti alla propria offerta e/o alla propria attività al fine di individuare, attrarre, acquisire e mantenere la propria clientela selezionata).

Attraverso l’implementazione di contenuti di valore e coinvolgenti è possibile dunque acquisire e spingere l’utente di riferimento a seguire determinati “percorsi”, ovvero, dall’acquisizione del cliente appunto al raggiungimento di risultati prestabiliti come, ad esempio, l’iscrizione ad una newsletter o l’acquisto di un prodotto/servizio.

Proprio in questo modo, rivolgendosi a una nicchia di mercato con contenuti ad hoc, è possibile emergere tra i milioni di media che circolano ogni giorno.


Fig.1 Esempio di content marketing da parte di GoPro (foto che suscita uno stato d’animo) con annessa funzione di Instagram Shopping che rimanda alla pagina prodotto della HERO7 Black.

Negli ultimi anni questa tendenza di implementare strategie di content marketing, data la loro maggior efficacia rispetto alle tecniche di marketing tradizionale, si sta affermando tra le varie attività.

Inoltre è da segnalare come il content marketing tende a costare in media il 62% in meno del marketing tradizionale, generando 3 volte più lead (contatti).

Le attività di Content Marketing

La definizione degli obiettivi, lo sviluppo di un’analisi di mercato (target, competitor e contesto) e la definizione di un piano di contenuti costituiscono i primi step fondamentali per la determinazione di una strategia di content marketing.

A questa fase di pianificazione, che si ripete nel corso del tempo, è annessa l’analisi delle performance, al fine di comprendere in che direzione si sta andando, cioè se il percorso che si sta perseguendo è quello giusto per il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Le conseguenze di un’analisi approssimativa

La fase di analisi delle performance delle attività di content marketing è ancora troppo sottovalutata oggi, o fatta in modo approssimativo perché non applicata su tutte le fasi delle attività. Ciò porta a non avere un quadro chiaro della situazione o, ancor peggio, ad una visione distorta della realtà.

Spesso alcune delle fasi delle varie attività non vengono nemmeno identificate e da qui scaturisce l’inefficacia di queste ultime.

Identificare ed analizzare fase per fase

Come per i sistemi informatici, dove il framework definisce e raggruppa gli elementi di un “progetto”, anche nel content marketing può essere utile definire un “marketing framework” che strutturi il processo di analisi in modo chiaro e con una serie di specifiche KPI (Key Performance Indicator).

Un framework delineato su una struttura definita ed orientata ad un’analisi delle performance in profondità, adattabile a diversi macro obiettivi e che risulti applicabile a svariati contesti.

Lo SMAF: cos’è?

Lo SMAF (Social Media Analytics Funnel) è appunto un framework per l’analisi delle performance di content marketing sui social media.

Si tratta di un funnel con metriche definite che dà supporto nello strutturare l’analisi delle prestazioni dei contenuti organici su social media, aiutando a capire quali sono quelli che portano al perseguimento degli obiettivi prefissati, quindi quelli sui quali occorre concentrare gli sforzi, e quali invece risultano essere meno efficaci.

Il funnel si sviluppa sulla base del percorso che l’utente svolge al fine di raggiungere gli obiettivi definiti a livello strategico.

In tal modo si va a misurare ogni fase che l’utente attraversa nel percorso, dal momento in cui entra in contatto con il contenuto fino allo step di conversione finale da noi impostato.

social media analytics funnel process

Scopri le altre potenzialità di SMAF negli articoli che usciranno prossimamente, stay tuned!
Prossimo articolo (#2 SMAF: Le fasi di Traction ed Engagement)

– articolo a cura di Manuel Langella.

Guida al trading online | Part 2: le basi per iniziare

Con questa rubrica di più articoli, a cura di Davide Serafini — studente di Economia e Finanza all’Università di Modena e Reggio Emilia e trader part time in opzioni con interesse per il trading quantitativo e sistematico — affronteremo passo per passo il mondo del trading online, sfatandone alcuni miti ma allo stesso tempo dando una panoramica interessante.

Il successo del BTP Italia

Nel primo trimestre dell’anno, le società quotate a Piazza Affari hanno subito un ingente danno di capitalizzazione. 25 società industriali e di servizi del FTSE MIB hanno registrato una riduzione del – 22,4%, che ha apportato perdite fino a 83 miliardi. Ma la scorsa settimana, il boom di acquisti del Btp Italia è stato un simbolo della fiducia nella ripresa del Paese.

Travel Bubbles, i viaggi nel post COVID-19

Nel breve periodo le bolle di viaggio regionali sembrano la soluzione più apprezzata dai governi nazionali. Già annunciata nei paesi baltici, presto questa iniziativa prenderà piede anche in Europa già regolamenta negli scorsi giorni dalla Commissione Europea. Si tratta della libera circolazione dei cittadini tra stati vicini e con situazioni sanitarie controllate e non preoccupanti.

Risorse dello spazio: opportunità e tensioni internazionali

Il 27 gennaio del 1967, due anni prima dello sbarco sulla Luna e in piena guerra fredda, i tre governi degli Stati Uniti, del Regno Unito e dell’Unione Sovietica firmarono l’Outer Space Treaty, un trattato, pensato per durare a lungo, che elimina qualsiasi concetto di sovranità al di fuori della superficie terrestre.