Videogioco in streaming, la nuova rivoluzione di Netflix?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Netflix è ad oggi la più grande piattaforma di streaming in circolazione ed offre un servizio di intrattenimento (rivolto sia agli adulti che ai bambini) che raggiunge tutti i paesi del mondo ad eccezione di Cina, Corea del Nord, Crimea e Siria.

Da un paio di anni a questa parte Netflix sta cercando di conciliare lo streaming con il mondo videoludico e ciò è testimoniato anche dalla collaborazione tra Netflix e lo studio Telltale Games. L’obiettivo è quello di permettere ai propri utenti di videogiocare in streaming ampliando la sua offerta e operando non più solo sul mercato dell’intrattenimento, ma anche dei videogiochi.

Proviamo a ripercorrere la strategia di marketing adottata dal colosso americano attraverso tre fasi che abbiamo già vissuto:

1-Netflix pubblica su Netflix Kids “Le avventure del gatto con gli stivali”, un’avventura a scelta che ricorda le vecchie videocassette game. Il pubblico cui si rivolge è quello dei bambini che essendo chiamati a fare delle scelte sono coinvolti; imparano che su Netflix si può giocare e trasmettono il messaggio ai genitori.

2-Netflix pubblica sulla piattaforma principale (quella rivolta agli adulti) “Minecraft Story Mode” con l’obiettivo di interessare un pubblico in età adolescenziale.

3-Netflix pubblica “Black mirror- Bandersnatch” cercando di attirare l’attenzione degli appassionati di tecnologia. Il film permette all’utente di fare delle scelte e tali scelte influenzano la storia. Effettuando scelte diverse si possono avere 5 finali differenti, dunque 5 storie differenti dalla durata di 1 ora e mezza ciascuna.

L’obiettivo di tal manovra è quello di coinvolgere, attraverso una serie di scelte perfette, sempre più utenti, partendo dai più interessati alle nuove tecnologie, per poi raggiungere la più ampia platea possibile.

Oggi chi vuole giocare ad un videogame deve dotarsi almeno di tre infrastrutture: una console, una TV e una copia del gioco e ciò è molto dispendioso. Se Netflix riuscirà nel suo intento, sarà possibile giocare tramite la sola TV e il prezzo dell’abbonamento di Netflix stesso. Gradualmente l’Hardware diventerà sempre meno rilevante e lo streaming sempre più accessibile evitando l’acquisto di periferiche dedicate.

Articolo di Enrico Perinelli

Guida al trading online | Part 2: le basi per iniziare

Con questa rubrica di più articoli, a cura di Davide Serafini — studente di Economia e Finanza all’Università di Modena e Reggio Emilia e trader part time in opzioni con interesse per il trading quantitativo e sistematico — affronteremo passo per passo il mondo del trading online, sfatandone alcuni miti ma allo stesso tempo dando una panoramica interessante.

Il successo del BTP Italia

Nel primo trimestre dell’anno, le società quotate a Piazza Affari hanno subito un ingente danno di capitalizzazione. 25 società industriali e di servizi del FTSE MIB hanno registrato una riduzione del – 22,4%, che ha apportato perdite fino a 83 miliardi. Ma la scorsa settimana, il boom di acquisti del Btp Italia è stato un simbolo della fiducia nella ripresa del Paese.

Travel Bubbles, i viaggi nel post COVID-19

Nel breve periodo le bolle di viaggio regionali sembrano la soluzione più apprezzata dai governi nazionali. Già annunciata nei paesi baltici, presto questa iniziativa prenderà piede anche in Europa già regolamenta negli scorsi giorni dalla Commissione Europea. Si tratta della libera circolazione dei cittadini tra stati vicini e con situazioni sanitarie controllate e non preoccupanti.

Risorse dello spazio: opportunità e tensioni internazionali

Il 27 gennaio del 1967, due anni prima dello sbarco sulla Luna e in piena guerra fredda, i tre governi degli Stati Uniti, del Regno Unito e dell’Unione Sovietica firmarono l’Outer Space Treaty, un trattato, pensato per durare a lungo, che elimina qualsiasi concetto di sovranità al di fuori della superficie terrestre.